Blog Lifestyle

La Fenice risorge dalle sue ceneri

Avete mai sentito parlare di persone che ritornano a vivere (attenzione non a sopravvivere!!) dopo un trauma che gli ha sconvolto la vita?

Parlo di persone che sembrano aver perduto tutto e risorgono in una vita diversa da quella che avevano immaginato, ma che vista dall’esterno fa invidia agli altri.
Questo è il caso più estremo.

Esistono però i casi in cui sembra che tutto ciò per cui si è lavorato una vita intera vada perduto non necessariamente per colpa tua ma per una serie avversa di situazioni e ti ritrovi di fronte al nulla, a rimuginare su ciò che poteva essere fatto e non è stato fatto, a darti colpe che non hai o a cercare di darti meriti che probabilmente non hai, ma che poco importa perché ti aiutano a superare il momento.

Come reagiamo di fronte a questa situazione “apocalittica”? c’è chi rimugina e rimugina e gira il dito alla ricerca di un colpevole. Spesso attribuire la colpa a qualcuno o a qualcosa ti rende migliore, ti alleggerisce dalle responsabilità.

Mi chiedo però se incolpare qualcuno, che siamo noi o qulcun altro, possa cambiare lo stato dei fatti. Certo se c’è una reale responsabilità, la prassi vuole che accollarsene serva a crescere e a maturare. Va bene, ma poi cosa succede?

Non è sulla responsabilità che voglio centrare il punto, ma è sul dopo! Dopo cosa succede?
La parola d’ordine è reinventarsi.
Voglio parlare di quelle persone che sono riuscite a darsi una nuova identità o addirittura a scoprire finalmente la propria identità nascosta fino a quel momento.

Si dice che noi donne abbiamo una risorsa impagabile: la creatività. Cosa ci importa se la nostra idea ha dell’irrazionale, è divertente seguirla proprio perché non sappiamo dove ci porta.

A chi è capitato di inventarsi un mestiere, un percorso diverso da quello che gli altri, e noi prima di loro, avevamo in mente per noi? Rompere con la regola. E’ faticoso e ci vuole tanto coraggio, lo ammetto. Ma non è più faticoso seguire il mood degli altri?

Quante volte ci sentiamo incastrati nella routine e non ne veniamo fuori? allora pensare “alternativo” ci può dare una mano a sollevare la testa dal mucchio?

Quando parlo di mucchio penso che siamo proprio noi a comporre quel mucchio…eh si, ci sentiamo spesso diversi, ma siamo poi tutti uguali. Probabilmente siamo uguali perché fa comodo ed è più facile essere nel gruppo.

Pensiamo agli adolescenti, che periodo impegnativo: cominciare ad avere un’identità ben precisa e scontrarsi con l’identità del “branco” che li rende tutti uguali.

Ecco forse c’è del positivo ad essere adulti: quel branco non ci interessa più. Siamo più proiettati sulla nostra persona e non abbiamo più timore del giudizio degli altri, o meglio ne abbiamo di meno.

A cosa ci porterà la nostra testolina?
A me ha portato a creare questo blog atipico….a voi?

Annunci

3 commenti su “La Fenice risorge dalle sue ceneri

  1. Lara Grigatti

    Ciao Sabri, vedo ora da Linkedin che hai deciso di percorrere una via alternativa, LA TUA VIA e non quella che ci è stata troppe volte imposta…anche io ho fatto questa scelta un anno fa e, credimi, non tornerei mai indietro…penso sia una delle cose migliori che abbia mai fatto per me, per il mio equilibrio, per la mia vita e la mia vita insieme agli altri. Ti auguro tutto il meglio…a volte la felicità, quella vera, bisogna sapersela cercare e acciuffare, non solo aspettare che qualcosa cambi e che arrivi… un abbraccio. Lara

    Mi piace

    • Lara grazie! Tu non sai quanto mi fanno piacere queste tue parole…hai proprio centrato il senso della mia scelta. C’è un po’ di paura, ma è proprio vero che siamo il frutto delle nostre scelte e non dell’attesa di un qualcosa che chissà se avverrà mai. Spero un giorno di poterti rincontrare, intanto mi tengo stretta questo messaggio e ti abbraccio forte 🤗

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: